Vinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.x
 

Per preparare la carne secca di selvaggina occorre anzitutto un prodotto di partenza ineccepibile anche dal profilo igienico, quindi non parti contaminate da sangue, sporcizia o contenuto intestinale. Per il cervo si prende una fesa della coscia (la sottofesa o fesa italiana si presta molto bene) o eventualmente una parte dalla spalla; per il camoscio o la coscia intera (privata dell'osso dell'anca) oppure le fese dopo aver disossato la coscia. Altro aspetto importante è la stagione. I macellai di professione dispongono di celle di stagionatura e possono preparare carne secca tutto l'anno, mentre che noi dobbiamo attendere almeno metà novembre, quando le mosche saranno sparite e la temperatura dell'ambiente si sarà ridotta. In altre parole, la carne delle prede catturate in settembre va congelata e poi ripresa più tardi per la lavorazione. Se invece proviene dalla caccia tardo autunnale, allora si può procedere subito con la carne allo stato fresco.

Pesate il o i pezzi di carne da essicare; per ogni chilo calcolate 22-25 grammi di sale da cucina, 1 cucchiaino di pepe nero macinato,  ev. una spolverata di cannella, una di noce moscata e un pizzico di chiodi di garofano in polvere. Si può aggiungere un cucchiaino di zucchero (per favorire i fermenti microbici importanti per la corretta stagionatura) e una piccola punta di coltello di salnitro (per mantenere il bel colore rosso a fine stagionatura). Si mescolano tutti gli ingredienti in una ciotola, si mette la carne in un recipiente e la si cosparge con il condimento sui tutti i lati. A dipendenza dei gusti, si può aggiungere un po' di aglio triturato o a fettine (non esagerare), alloro, salvia e aghi di rosmarino. Si può bagnare con un po' di vino bianco (massimo 1 decilitro per 1 kg di carne) e si mette a riposare in un luogo fresco, girando due volte al giorno e bagnando la parte superiore con il liquido di salamoia. Dopo 5-7 giorni la carne sarà quasi asciutta e comincerà a formarsi un leggero velo di muffa bianca. A questo punto è ora di appendere la carne in un luogo asciutto, freddo e leggermente ventilato. Io la metto in solaio e per sicurezza in una "moschera" al riparo da brutte sorprese. I pezzi possono essere appesi con dei ganci, oppure infilati in apposite calze e appesi con una cordicella, o con uno spago infilato tramite un ago che entra da una parte ed esce dall'altra, come i veri macellai. A dipendenza della grandezza dei pezzi e dal clima, ci vogliono 3-5 settimane di stagionatura, periodicamente dovrete controllare se tutto procede bene. Se ne avete preparata in abbondanza, potete prendere dei pezzi, imballarli sotto vuoto e congelarli per averli ancora l'estate successiva. Anche se si tratta di carne che era già stata congelata, non è un problema.

Se invece non volete correre rischi, quando portate la preda al macellaio, chiedetegli di prepararvi anche i pezzi di carne secca!